Centro Diurno Marco Polo – Terni

Il centro diurno Marco Polo è una struttura semiresidenziale del CSM di Terni – USL Umbria 2, gestita in convenzione con la Società Cooperativa Sociale Helios Onlus.

Il CD è situato nei locali al pianterreno di un alto edificio, in una zona ad elevata densità abitativa, vicino al centro città.

L’orario di apertura del CD è dalle 8 alle 18 dal lunedì al venerdì, compreso il servizio mensa che viene fornito da una ditta esterna (Cooperativa Sociale Iride).

Il centro nasce alla fine degli anni 80 come laboratorio protetto con un progetto ergoterapico rivolto a pazienti psichiatrici adulti, con una apertura dalle 8 alle 14; dopo il trasferimento dalla zona industriale al centro città, dall’ottobre del 2002 è avvenuta la trasformazione in CD con l’apertura fino alle 18 e l’inizio di nuove attività pomeridiane.

Attualmente il numero degli utenti è di circa 20 unità; l’inserimento dei pazienti avviene previo colloquio ed incontro con il medico di riferimento del CSM e l’equipe del CD.

I pazienti vengono inseriti senza alcun limite di età.

L’EQUIPE

Nel centro sono presenti quotidianamente, la mattina: una infermiera del Centro di Salute Mentale e sei operatori della Cooperativa con un proprio coordinatore all’interno.

Tutti i lunedì dalle 15 alle 18 l’equipe effettua una riunione per la programmazione, per la gestione delle dinamiche relazionali, la verifica sugli utenti e sulle attività con la conduzione del referente sanitario e degli operatori della Cooperativa.

Da diversi anni l’equipe ha ritenuto opportuno avviare un rapporto più assiduo con i familiari e con gli operatori delle residenze degli utenti attraverso riunioni periodiche a cadenza bimestrale.

Il responsabile sanitario del CD è la dottoressa Anacleta Ferraro del CSM. 

Il coordinatore del Centro per la Cooperativa Helios è Andrea Gresta.

Nei restanti pomeriggi della settimana, poiché il numero degli utenti è minore rispetto alla mattina (6 -10 unità), si effettuano rientri di due operatori per turno.

LE ATTIVITÁ E LA RIABILITAZIONE

Il CD Marco Polo opera ormai sul territorio cittadino da 30 anni nel campo della riabilitazione psichiatrica, con interventi tesi alla riacquisizione della propria individualità da parte degli utenti e al reinserimento attivo degli stessi nell’ ambito culturale, sociale e lavorativo del territorio. Le attività riabilitative comprendono:

  1. Analisi dell’attualità: conoscenza e approfondimento di tematiche politiche, sociali, culturali, economiche, ecc. attraverso la lettura dei quotidiani (lunedì dalle 9.00 alle 10.30 e venerdì dalle 11.00 alle 12.30). L’ obiettivo della attività è quello di favorire la riflessione e la comunicazione che i suddetti argomenti stimolano tra gli utenti, mediante l’analisi delle proprie opinioni e dei propri vissuti rispetto ad essi. Lo spazio dell’attualità viene anche utilizzato per programmazione delle attività settimanali, discussione delle problematiche e dinamiche di relazione.
  1. Cinematerapia: visione di film con dibattito finale, scelti in base agli stimoli offerti dall’ analisi dell’attualità curando in particolare i vissuti personali ed emozionali emersi dalla visione stessa (tutti i mercoledì dalle 9.15 alle 12.30).
  1. Attività laboratoriali di tipo artigianale e manuale, riguardanti i settori della ceramica, della corniceria, del macramé, dell’informatica, che consentono lo sviluppo delle capacità e delle abilità degli utenti, oltre a fornire un supporto economico per le spese quotidiane del CD (lunedì dalle 11 alle 12.30, martedì e giovedì dalle 9.00 alle 12.45, venerdì dalle 9.00 alle 10.30).
  1. Gruppo lettura ad alta voce: lettura di gruppo di testi narrativi scelti insieme con presentazione e dibattito finale, per sviluppare le capacità attentive, di lettura e riflessione, e la capacità critica (giovedì dalle 11.00 alle 12.30)
  1. Attività congiunta con il progetto Cinema-Scuola del Comune di Terni, Assessorato alla Cultura, per la realizzazione di prodotti video costruiti intorno a tematiche scelte insieme agli utenti, con la successiva creazione di eventi pubblici e pubblicazione di opuscoli didattici delle attività svolte (appuntamenti settimanali periodici). Partecipazione a concorsi, festival ed eventi di cinema e fotografia, sui temi della salute mentale, del sociale o altro.
  1. Collegamento con l’Associazione “Semi del Sapere” (artigianato artistico) con pianificazione, organizzazione, supporto di eventi e mostre mercato, con l’Associazione “Millefiori” (orti urbani) con gestione di un orto e organizzazione di eventi ed incontri, con l’Associazione “Sentieri del Cinema” con la creazione di eventi congiunti.
  1. Laboratori pomeridiani di attività motorie (ginnastica dolce in palestra), documentazione e produzione video, fotografia, arteterapia, antropologia e storia locale, corsi di lingue, attività didattiche, uscite sul territorio a scopo didattico-culturale (tutti i pomeriggi tranne il lunedì dalle 15 alle 18).
  1. Attività congiunta con le scuole medie e superiori della città riguardante laboratori di arti manuali, laboratori di informatica e sartoria, laboratori video; le esperienze con le scuole prevedono la partecipazione diretta di un piccolo gruppo di utenti del CD insieme alle classi degli istituti con la realizzazione di lavori poi oggetto di mostre cittadine (cadenza varia durante l’anno scolastico). Attivazione di percorsi di alternanza scuola lavoro con istituti scolastici superiori.
  1. Uscite serali periodiche: cene, visione di spettacoli teatrali e cinematografici, ecc.
  1.  Gite di interesse culturale e didattico, tutti insieme o in piccoli gruppi, della     durata di una giornata, visite a musei e mostre d’arte.
  1.  Tutti i giorni, in piccoli gruppi misti tra operatori ed utenti, si provvede alla preparazione dello spazio mensa, alla distribuzione dei pasti e alla pulizia della cucina (dalle 12.45 alle 14).
  1.  Diverse attività quotidiane sono gestite direttamente e singolarmente dagli utenti: conteggio dei pasti e prenotazione telefonica degli stessi, acquisto e pagamento dei quotidiani per l’analisi dell’attualità, piccoli acquisti di materiale di consumo, tenuta del registro delle spese e delle entrate, pulizia dello spazio per fumatori, rifornimento del materiale per i servizi igienici (sapone, carta, ecc.), noleggio materiale video e prestito librario in biblioteca.
  1. Durante la giornata si effettua una pausa per la colazione dalle 10.30 alle 11 e una pausa dopo il pranzo dalle 14 alle 15 dove ognuno si organizza in modo autonomo (gioco delle carte, lettura di giornali e riviste, ascolto musica, televisione, internet, ecc.) con preparazione collettiva del caffè.
  1. Gruppo Auto Mutuo Aiuto, a partecipazione libera, facilitato da un’operatrice.
  2. Elaborazione e distribuzione in città e via mail del notiziario del centro, “Marcopòlis” a cadenza bimestrale, strumento di diffusione delle nostre attività.

FUNZIONI ED OBIETTIVI DEL CENTRO DIURNO

Gli interventi del CD Marco Polo si caratterizzano come risposta a diverse necessità: da una parte il bisogno di relazioni umane e di integrazione sociale da parte degli utenti, dall’altra il recupero e mantenimento delle abilità e competenze, svolgendo una funzione intermediaria tra l’utente e la realtà sociale.

Il CD svolge tale funzione attraverso un lavoro centrato sul contenitore gruppo, che raccoglie e contiene i sentimenti angosciosi, offrendo un clima affettivo ed accogliente che permette un giusto esame della realtà, senza diventare troppo dipendente e rigido.

Vengono però elaborati percorsi individualizzati che consentono la riappropriazione della propria persona e la giusta collocazione nel tessuto sociale. 

L’attività principale è quindi la relazione, ma ci sono poi le attività, laboratori e non, finalizzate a recuperare la capacità di star bene con sé stessi e con gli altri, contribuendo al miglioramento della qualità della vita.

Il CD ha le sue attività caratterizzanti (laboratori, progetto Cinema, attività con le scuole, ecc.) che ne costituiscono l’immagine all’esterno ed esprimono la sua cultura dell’organizzazione, il suo rapporto con la comunità.

Le risorse per la realizzazione dei progetti non sono eccelse, ma il centro è stato capace di attivare contatti inediti e creativi.

La continua apertura al contesto di vita fa sì che sia condiviso il criterio del fare insieme e non del far fare agli altri: ciò aggiunto al piacere della scoperta, all’invenzione di progetti, alla valorizzazione delle relazioni, rappresenta la difesa contro il rischio della istituzionalizzazione che è invece disattenzione, inerzia, ripetizione, monotonia, sottonutrizione affettiva e relazionale.

Per questo cerchiamo di essere attenti al clima affettivo, agli stili comunicativi, alle capacità di ascolto e di accoglienza come indicatori di qualità del lavoro svolto.

Un gruppo di lavoro integrato, aperto, con spazi per la rielaborazione, sono da parte dell’equipe del centro ritenuti elementi organizzativi irrinunciabili e fondanti per essere operativi ed evitare la perdita di senso e la cronicizzazione del lavoro.

L’identità del CD è determinata quindi dal contesto in cui è inserito, dalla rete dei servizi in cui è collocato, da spazi, tempi e risorse disponibili, ma soprattutto da quelle risorse inusuali che si è in grado di attivare perché presenti in quel territorio.

Sono questi elementi che costituiscono i vincoli e determinano la configurazione del nostro centro, soggetto a fasi a volte positive, a volte problematiche, a crisi o a rinascite, ma sempre visto come organismo sociale vitale in divenire.     

Gli obiettivi del CD sono quindi quello di stabilire un rapporto più diretto con la comunità, superando logiche istituzionali che non rispondono ad esigenze di tipo riabilitativo, all’interno di un più ampio progetto di socializzazione e comunicazione con il territorio locale che favorisca il reinserimento di persone con problematiche psichiche e la riacquisizione del diritto di cittadinanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.