2a Conferenza Nazionale Sulla Salute Mentale – Per una salute mentale di comunità, 25-26 giugno 2021

Evento in diretta streaming

Si è tenuta il 25 e 26 giugno 2021, in modalità streaming online, la 2a Conferenza Nazionale per la Salute Mentale “Per una Salute Mentale di Comunità”, promossa dal Ministero della Salute.

A vent’anni dalla prima Conferenza Nazionale del 2001, la Conferenza intende essere occasione di confronto e rilancio sui seguenti obiettivi:

  • riaffermare il principio, come sostenuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che non c’è salute senza salute mentale, e che essa è condizione per lo sviluppo economico e sociale delle comunità;
  • ribadire la responsabilità pubblica delle politiche per la Salute Mentale, per garantire in modo uniforme sul territorio nazionale il diritto alla cura e all’inclusione sociale;
  • analizzare in maniera partecipata e trasparente il funzionamento dei servizi per la salute mentale, i modelli organizzativi, le risorse umane ed economiche impiegate, la qualità delle risposte ai bisogni di salute della popolazione e le pratiche per il rispetto dei diritti di cittadinanza;
  • ripensare le politiche future, anche alla luce delle vulnerabilità emerse nel corso della pandemia, valorizzando le buone pratiche e assumendo come cornice di riferimento la salute mentale di comunità. 

La realizzazione della Conferenza avviene a conclusione di un percorso di approfondimento sviluppato da oltre un anno attraverso i lavori del Tavolo Tecnico per la Salute Mentale, istituito presso il Ministero della Salute, e alcuni seminari tematici. Le criticità affrontate in tali sedi saranno dibattute nel corso dell’evento con speciali sessioni dedicate.

PROGRAMMA

Venerdì 25 giugno 2021 – ore 10.00/18.30

VERSO UN SISTEMA PER LA SALUTE MENTALE UNIVERSALE, INCLUSIVO E PARTECIPATO

In apertura, proiezione video da “I Giardini di Abele”, Sergio Zavoli/RAI, 1968

  • Roberto Speranza, Ministro della Salute
  • Marta Cartabia, Ministro della Giustizia
  • Andrea Orlando, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali
  • Enzo Bianco, Presidente del Consiglio nazionale dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani
  • Donato Toma, Presidente della Regione Molise e componente dell’Ufficio di Presidenza della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome
  • Dévora Kestel, Direttore Dipartimento Salute Mentale e Abuso di Sostanze dell’OMS

Sezione testimonianze di utenti, famiglie, operatori, strutture attive nel settore

  • Massimo Cirri, conduttore radiofonico di RAI Radio2 e psicologo

L’esperienza italiana nel contesto internazionale

  • Giovanni Leonardi, Segretario generale del Ministero della Salute
  • Benedetto Saraceno, Segretario generale del Lisbon Institute for Global Mental Health

Ore 14,00-18,30

Per una trasformazione responsabile e partecipata

Sessioni parallele in gruppi di lavoro

ore 14,00-16,00

  1. La qualificazione e l’organizzazione dei servizi per una salute mentale di comunità.
  2. La salute mentale dei minori, degli adolescenti e dei giovani adulti: servizi, famiglia e scuola.
  3. Azioni preventive e presa in carico nelle popolazioni migranti e nei contesti custodiali.
  4. Il lavoro di équipe  in salute mentale: professioni e formazione.

ore 16,30-18,30

  1. Sistema informativo e valutazione delle attività nei servizi di salute mentale.
  2. I percorsi di presa in carico: buone e cattive pratiche.
  3. Lavoro, abitazione, sostegno alla vita indipendente: attori e strumenti per l’inclusione sociale.
  4. Il ruolo delle associazioni di utenti, familiari e del volontariato nei servizi di salute mentale.

Ore 18,30 – 19,30 Esperienze di animazione teatrale

Sabato 25 giugno 2021 – ore 10.00/18.30

Dallo stato dell’arte agli impegni condivisi

  • Silvio Brusaferro, Presidente dell’Istituto superiore di sanità
  • Nerina Dirindin, Esperta del Ministro in materia di economia e politica sanitaria
  • Rapporteurs dei gruppi tematici
  • Conclusioni a cura del Segretario Generale del Ministero della Salute, Giovanni Leonardi, in collaborazione con le Direzioni generali del Ministero della Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.